Intitolata a Enzo Ferrari la Risonanza Magnetica dell’ospedale di Sassuolo

Data di pubblicazione: 
16 Lug 2020

Maranello, 16 luglio 2020 – Si è tenuta questa mattina la cerimonia per l’intitolazione a Enzo Ferrari della Risonanza Magnetica dell’ospedale di Sassuolo. Nel corso dell’evento sono intervenuti il Presidente del Cda dell’ospedale Mario Mairano, il Responsabile dell’Unità Operativa Radiodiagnostica Aldo Burani ed Enrico Galliera, Chief Marketing and Commercial Officer di Ferrari.

La scelta di dedicare la nuova sala al fondatore del Cavallino Rampante è stata motivata dalla dirigenza della struttura ospedaliera come un segno di riconoscenza verso l’aiuto ricevuto dalla Casa automobilistica nel corso della recente crisi sanitaria.

Grazie ai fondi raccolti da diversi clienti internazionali di Ferrari, che ha raddoppiato i loro versamenti, la Risonanza Magnetica è stata dotata di un nuovo tomografo di ultima generazione, fra i più avanzati a livello nazionale.

Ferrari - Risonanza magnetica Ospedale Sassuolo - Burani, Mairano e Galliera

Questo progetto si colloca all’interno di un programma articolato di aiuti che Ferrari ha realizzato nel corso della pandemia, mettendo a disposizione del personale medico e del sistema sanitario nazionale competenze tecnologiche, impianti e relazioni internazionali.

Ferrari - Risonanza magnetica Ospedale Sassuolo

L’azienda di Maranello si è unita alla lotta contro il Covid-19 attraverso diverse iniziative di solidarietà. A favore della AUSL di Modena ha sostenuto un progetto di telemedicina nelle Rsa della Provincia, ha acquistato diversi test e attrezzature per la diagnosi del Covid-19 oltre a dei veicoli per servizi di soccorso. All’interno dello stabilimento di Maranello è stata avviata la produzione di valvole respiratorie e di raccordi per maschere protettive che sono state donate agli ospedali italiani. Lo scorso maggio Scuderia Ferrari ha presentato FI5, un respiratore polmonare progettato in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia, e lo ha messo a disposizione gratuitamente in open source a chiunque lo voglia produrre. Nella fase iniziale dell’emergenza Ferrari, con altre società, ha inoltre contribuito a individuare e acquistare all’estero un totale di 210 ventilatori e altre apparecchiature mediche, garantendo il loro immediato trasporto aereo in Italia.

Fra le altre iniziative per le comunità locali, a cui sono stati destinati i compensi del Presidente, dell’Amministratore Delegato, del CdA e del Senior Management Team, l’azienda ha donato dei beni essenziali alle famiglie in difficoltà e del materiale informatico alle scuole per garantire la continuità didattica a tutti gli studenti.

Allegati