Compliance Terze Parti

Come evidenziato nel Codice di Condotta di Ferrari (il "Codice"), Ferrari si impegna a rispettare integralmente tutte le leggi e i regolamenti applicabili e le sue Terze Parti sono tenute a rispettare tali normative in relazione a qualsiasi attività o business condotti in nome e per conto del Gruppo Ferrari.

Al fine di rafforzare e implementare i principi del Codice, Ferrari ha adottato una Third Parties Compliance Practice (la “Practice”) che delinea le regole generali di condotta che devono essere seguite nei rapporti con tutte le Terze Parti, comprese le controparti attive e passive e ogni ulteriore Terza Parte che possa intrattenere rapporti commerciali con Ferrari.

Ferrari, infatti, si impegna a collaborare solo con Terze Parti che soddisfino determinati requisiti sia in termini di conformità alle leggi e regolamenti applicabili sia in relazione a etica, integrità e trasparenza. A tale scopo, la Practice sottolinea l'importanza di una “valutazione di compliance” prima di qualsiasi rapporto d'affari, al fine di valutare e minimizzare potenziali rischi e quindi di proteggere il patrimonio, l'integrità e la reputazione di Ferrari in una visione complessiva e di lungo termine.

Le Terze Parti sono tenute a rispettare i principi e gli standard etici di Ferrari e questo è un impegno contrattuale chiaro ed essenziale in tutti i rapporti commerciali. In tal modo, le Terze Parti Ferrari diventano altresì parti attive nei confronti dei propri dipendenti e delle rispettive terze parti al fine di diffondere una cultura di compliance, integrità e trasparenza in tutti i rapporti commerciali.