Ferrari annuncia un prestito obbligazionario

Data di pubblicazione: 
20 Mag 2020

Maranello (Italia), 20 maggio 2020 - Ferrari N.V. (“Ferrari”) (NYSE/MTA: RACE) annuncia l’intenzione di procedere ad una emissione obbligazionaria benchmark non garantita (le “Obbligazioni”), subordinatamente alle condizioni di mercato. Le Obbligazioni avranno rango pari a quello di tutte le altre obbligazioni in circolazione non garantite e non subordinate di Ferrari.

Ferrari intende impiegare il ricavato dell'offerta obbligazionaria per le generali esigenze del Gruppo.

Le Obbligazioni saranno offerte ai sensi del Regulation S in base al Securities Act del 1933, come modificato (il “Securities Act”). Le Obbligazioni non sono state registrate e non saranno registrate in base al Securities Act o alle leggi in materia di strumenti finanziari di qualsiasi altro ordinamento, e non potranno essere offerte o vendute negli Stati Uniti in mancanza di registrazione o di un’esenzione dall’obbligo di registrazione di cui al Securities Act e alle leggi dei singoli stati USA applicabili.

Questo comunicato non costituisce offerta di vendita o sollecitazione di offerte di acquisto di strumenti finanziari, né avrà luogo alcuna offerta degli strumenti finanziari in alcuno stato o ordinamento nel quale tale offerta, sollecitazione o vendita siano illegittime.

Il presente comunicato è diretto solamente a (i) persone che si trovano al di fuori del Regno Unito, (ii) investitori professionali ai sensi dell’Articolo 19(5) del Financial Services and Markets Act 2000 (Financial Promotion) Order 2005, come modificato o (iii) persone che ricadono nell’Articolo 49(2), lettere da (a) a (d) (“high net worth companies, unincorporated associations, etc.”) del Financial Services and Markets Act 2000 (Financial Promotion) Order 2005, come modificato (tali persone, collettivamente, “persone rilevanti”). Le persone che non cadono nel novero delle “persone rilevanti” non devono fare affidamento o agire sulla base di questo comunicato. Ogni attività di investimento a cui questo comunicato si riferisce é riservata unicamente alle “persone rilevanti” e può essere svolta unicamente dalle “persone rilevanti”.

La presente è un annuncio pubblicitario e non è un prospetto ai sensi del Regolamento (UE) 2017/1129 (il “Regolamento Prospetto”). Le Obbligazioni saranno emesse ai sensi di un prospetto. La versione finale del prospetto sarà predisposta e resa disponibile al pubblico in conformità al Regolamento Prospetto. La versione finale del prospetto, una volta pubblicata, sarà disponibile su https://corporate.ferrari.com/it/investors/debito-0.

Si applicano le norme di stabilizzazione rilevanti, compresa la Financial Conduct Authority/ICMA.

Professionisti MiFID II/Soltanto ECP/Nessun PRIIP KID

Il mercato target del produttore (MIFID II sulla governance del prodotto) è riservato alle controparti qualificate e ai clienti professionali (tutti i canali di distribuzione). Nessun documento contenente le informazioni chiave (KID) del PRIIP è stato preparato come non disponibile per la vendita al dettaglio nell’EEA.

Questo comunicato contiene dichiarazioni previsionali (“forward-looking statements”). Queste dichiarazioni sono basate sulle attuali aspettative e proiezioni del Gruppo relativamente ad eventi futuri e, per loro natura, sono soggette ad una componente intrinseca di rischiosità ed incertezza. Sono dichiarazioni che si riferiscono ad eventi e dipendono da circostanze che possono, o non possono, accadere o verificarsi in futuro e, come tali, non si deve fare indebito affidamento su di esse. I risultati effettivi potrebbero differire significativamente da quelli contenuti in dette dichiarazioni a causa di una molteplicità di fattori, inclusi la volatilità ed il deterioramento dei mercati, del capitale e finanziari, una ricaduta della crisi del debito sovrano in Europa, variazioni nei prezzi delle materie prime, cambiamenti nelle condizioni macroeconomiche e nella crescita economica ed altre variazioni delle condizioni di business, di natura atmosferica, per inondazioni, terremoti o altri disastri naturali, mutamenti della normativa e del contesto istituzionale (sia in Italia che all’estero), difficoltà nella produzione, inclusi vincoli nell’utilizzo degli impianti e nelle forniture e molti altri rischi e incertezze, ivi inclusi i rischi connessi alla pandemia per Covid-19, la maggioranza dei quali è al di fuori del controllo del Gruppo.

Allegati