Ferrari ha registrato una performance straordinaria nel terzo trimestre 2015

Data di pubblicazione: 
28 Ott 2015
  • Le vetture consegnate alla rete sono state pari a 1.949 unità, in crescita del 21%
  • I ricavi netti sono aumentati del 9% (3% a cambi costanti), attestandosi a 723 milioni di euro  
  • L'EBIT ha raggiunto 141 milioni di euro, con un incremento del margine pari a 610pbs
  • L’utile netto è stato pari a 94 milioni di Euro (+62%)
  • Le disponibilità nette di cassa pari a 827 milioni di euro al 30 settembre 2015 [1]

Trimestre chiuso al 30 settembre (in milioni di euro, salvo diversa indicazione) Nove mesi chiusi al 30 settembre
2014 2015 Variance   2014 2015 Variance
1.612 1.949 337 Consegne
(in unità)
5.280 5.643 363
662 723 61 Ricavi netti 2.011 2.110 99
89 141 52 EBIT 274 359 85
160 214 54 EBITDA 485 562 77
58 94 36 Utile netto 186 235 49
0,30 0,50 0,20 Utile per azione
(in euro)
0,97 1,24 0,27
(In milioni di euro) 31 dic. 2014 30 sett. 2015 Variazioni
Disponibilità nette di cassa 566 8271 261

Maranello (Italia), 28 ottobre 2015 - Oggi Ferrari N.V. (NYSE: RACE) (“Ferrari”) rende noti i ricavi consolidati netti e i risultati preliminari [1] del terzo trimestre e dei nove mesi chiusi al 30 settembre 2015. 

Nel terzo trimestre 2015 le vetture consegnate alla rete sono aumentate del 21%, passando a 1.949 unità dalle 1.612 dell’analogo periodo del 2014. La performance è stata guidata da un incremento del 33% delle vendite dei modelli a 8 cilindri (V8), in particolare la 488 GTB, la California T e la 458 Speciale A, compensando ampiamente il fine ciclo-vita della 458 Italia e della 458 Spider. Le consegne dei modelli a 12 cilindri (V12) hanno registrato un calo del 17% in quanto la F12berlinetta è al suo 4° anno di commercializzazione.

L'area EMEA, le Americhe e il Resto della regione Asia Pacifico (APAC)[2] hanno registrato un buon aumento su base annua, ovvero +16%, 30% e 63% rispettivamente. L’area Greater China[3] ha subito una contrazione del 24% rispetto al terzo trimestre 2014.

I ricavi netti del terzo trimestre 2015 ammontano a 723 milioni di euro, con un incremento di 61 milioni di euro, pari al 9% (+3% a cambi costanti) rispetto ai 662 milioni di euro del terzo trimestre 2014. L'aumento dei ricavi netti da veicoli e pezzi di ricambio [3] (75 milioni di euro, +16%) è stato in parte compensato dal calo sui motori[4] (25 milioni di euro, -33%).

L'adjusted EBIT è stato pari a 140 milioni di euro, in crescita di 36 milioni di euro (+35%) rispetto al terzo trimestre 2014, grazie alla crescita dei volumi riconducibile soprattutto all’incremento delle vendite della California T nonché al contributo fornito dal lancio della 488 GTB, della 458 Speciale A e delle personalizzazioni. Tale incremento è stato favorito anche dall'effetto leggermente positivo dell'aumento delle vendite dell'edizione limitata della supercar LaFerrari e della vettura da pista speciale FXX K, in parte compensato dalla maggiore incidenza dei V8 rispetto ai V12 nel terzo trimestre 2015 rispetto all’analogo periodo del 2014. L’impatto dei cambi è stato positivo per 10 milioni di euro, sostenuto principalmente da dollaro USA e sterlina inglese e in parte compensato da yen giapponese. Le spese generali, amministrative e di vendita[5] sono aumentate di 9 milioni di euro per effetto del lancio della 488 Spider, degli eventi aziendali e dell'attenzione dedicata ai nuovi negozi diretti. I costi di ricerca e sviluppo e i costi industriali hanno registrato un incremento di 12 milioni di euro principalmente a seguito dei programmi di sviluppo legati alle power unit per le attività di Formula 1.

Nel trimestre chiuso al 30 settembre 2015, le imposte sul reddito sono aumentate rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente per effetto di un aumento dell’utile ante imposte riconducibile soprattutto alle voci sopra descritte. Nei tre mesi chiusi al 30 settembre 2015, l'aliquota fiscale effettiva (imposte sul reddito calcolate come percentuale dell'utile ante imposte) è diminuita, principalmente per effetto delle passività fiscali differite sugli utili non distribuiti che sono stati contabilizzati nel trimestre chiuso al 30 settembre 2014.

In base alle voci descritte in precedenza, l'utile netto del terzo trimestre 2015 è stato di 94 milioni di euro, in crescita di 36 milioni di euro (+62%). 

Il Free Cash Flow per il trimestre chiuso al 30 settembre 2015 è stato di 74 milioni di euro, favorito in particolare da un incremento del flusso di cassa della gestione operativa, incluso il flusso di cassa una tantum derivante dalla cessione di alcuni investimenti immobiliari.  

Le disponibilità nette di cassa sono aumentate da 789 milioni di euro al 30 giugno 2015 a 827 milioni di euro al 30 settembre 2015, soprattutto per effetto dei miglioramenti del Free Cash Flow al netto dei dividendi pagati al nostro azionista di minoranza in Cina.

Prospettive per il 2015

Per il 2015 il Gruppo indica le seguenti prospettive:

  • Vetture consegnate: 7,7 migliaia incluse le edizione limitate della supercar LaFerrari                 
  • Ricavi netti: circa 2,8 miliardi di euro
  • Adjusted EBITDA: nel range compreso tra 725 milioni di euro e 745 milioni di euro
  • Indebitamento netto: nel range compreso tra 1.975 milioni di euro e 2.025 milioni di euro (tra 775 milioni di euro e 825 milioni di euro al netto del portafoglio dei crediti finanziari autoliquidanti).

Consegne

Trimestre chiuso al 30 settembre Consegne3 (unità) Nove mesi chiusi al 30 settembre
2014 2015 Variazioni   2014 2015 Variazioni
701 815 114 EMEA 2,494 2,413 (81)
523 682 159 Americhe 1,722 1,969 247
207 157 (50) Greater China 496 418 (78)
181 295 114 Resto dell'APAC 568 843 275
1.612 1.949 337 Consegne totali 5.280 5.643 363

Ricavi netti totali

Trimestre chiuso al 30 settembre (milioni di euro) Nove mesi chiusi al 30 settembre
2014 2015 Variazioni   2014 2015 Variazioni
462 537 75 Vetture e parti di ricambio4 1.412 1.545 133
76 51 (25) Motori5 228 172 (56)
103 110 7 Sponsorizzazioni, proventi commerciali e relativi al marchio7 309 322 13
21 25 4 Altro8 62 71 9
662 723 61 Ricavi netti totali 2.011 2.110 99

  

[1] -1.973 milioni di euro di debito netto pro-forma includendo gli effetti dell’ annunciata ristrutturazione, ultimata a ottobre, poco prima dell'offerta pubblica iniziale

[2] Tali risultati sono stati predisposti in conformità ai principi contabili internazionali IFRS (International Financial Reporting Standards) emessi dall'International Accounting Standards Board e agli IFRS omologati dall'Unione Europea.

[3]L'area EMEA include: Italia, Regno Unito, Germania, Svizzera, Francia e Medio Oriente (inclusi Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Bahrain, Libano, Qatar, Oman e Kuwait) e il Resto dell'EMEA (inclusi l'Africa e gli altri mercati europei non identificati separatamente); le Americhe includono: Stati Uniti d'America, Canada, Messico, Caraibi e America Centrale e Meridionale; l’area Greater China comprende: Cina, Hong Kong e Taiwan; il Resto dell'APAC comprende: Giappone, Australia, Singapore, Indonesia e Corea del Sud.

[4] Sono inclusi i ricavi netti generati dalle consegne dei veicoli, inclusi i ricavi relativi a personalizzazioni di tali veicoli e i ricavi relativi alla vendita di parti di ricambio.

[5] Sono inclusi i ricavi netti generati dalla vendita di motori a Maserati per i suoi veicoli e i ricavi generati dalla locazione di motori ad altre scuderie di Formula 1.  

[6] Escluse le spese legate alle dimissioni dell'ex Presidente e i costi per l'IPO

[7] Sono inclusi i ricavi netti ottenuti dalla scuderia di Formula 1 tramite accordi di sponsorizzazione e la quota dei proventi commerciali del Campionato mondiale di Formula 1, oltre ai ricavi netti generati attraverso il marchio Ferrari, inclusi i ricavi generati da merchandising, concessione di licenze e royalties.

[8] Include soprattutto i proventi da interessi generati dal gruppo Ferrari Financial Services e i ricavi netti derivanti dalla gestione dell’Autodromo del Mugello


Disclaimer

I risultati finanziari presentati non riflettono gli effetti dell’annunciata ristrutturazione ultimata a ottobre, poco prima dell'offerta pubblica iniziale.

                                                                                                                  

Ferrari

Ferrari è tra i marchi del lusso leader a livello mondiale e si occupa della progettazione, produzione e vendita di auto sportive di lusso ad alte prestazioni più famose al mondo. Il marchio Ferrari è simbolo di unicità, innovazione, prestazioni sportive all'avanguardia e design italiano. La storia e l’immagine delle auto Ferrari sono strettamente legate al team di Formula 1 Scuderia Ferrari, la squadra che ha ottenuto più successi nella storia della Formula 1. Dal 1950, anno in cui ha avuto inizio la Formula 1, fino a oggi la Scuderia Ferrari ha vinto 224 Gran Premi, 16 titoli del campionato mondiale costruttori e 15 nel campionato mondiale piloti, incluso il titolo mondiale costruttori conseguito nel 2008. Ferrari progetta e produce i propri veicoli a Maranello, Italia, e li vende in oltre 60 mercati in tutto il mondo.

 

Dichiarazioni previsionali  

Il presente comunicato stampa contiene alcune "dichiarazioni previsionali", cioè "forward-looking statements" ai sensi delle disposizioni di limitazione della responsabilità della legge statunitense Private Securities Litigation Reform Act del 1995, ovvero affermazioni che si riferiscono a eventi futuri, non passati. Tali dichiarazioni sono basate sulle aspettative attuali e comprendono qualsiasi affermazione che non sia direttamente correlata ad un evento attuale o storico. In tale contesto, le dichiarazioni previsionali spesso riflettono le nostre attese relative ai futuri risultati di business e alle performance finanziarie e contengono termini quali “prevede” “ritiene” “intende” “stima” “progetta” “farà” o altri termini analoghi. Tali dichiarazioni previsionali implicano un certo grado di rischio e incertezza e potrebbero dimostrarsi non corrette. I risultati effettivi e gli eventi futuri potrebbero presentare differenze rilevanti rispetto a quanto previsto in tali dichiarazioni. Per maggiori informazioni sui rischi e le incertezze si invita a fare riferimento ai documenti di Ferrari depositati presso la SEC. Ferrari non si assume alcun impegno né intende aggiornare tali dichiarazioni previsionali per riflettere eventi o circostanze che dovessero verificarsi dopo la pubblicazione del presente comunicato. Si invita a non fare eccessivo affidamento su tali dichiarazioni, che sono da considerarsi valide solo alla data del presente comunicato. L’interpretazione di tutte le dichiarazioni previsionali è soggetta alla presente dichiarazione cautelativa.

Misure finanziarie non-GAAP: vedi allegato pdf